Fendimetrazina

Sito di informazione scientifica


ObesitÓ come colpa

Sei nella sezione: Uso nell'obesitÓ

Vai al sotto menu

L'obesitÓ spesso Ŕ vista come il risultato di una mancanza di volontÓ, di debolezza oppure della “scelta” di mangiare in eccesso e di essere pigri [1].

Questa visione dell'individuo obeso che Crandall definisce "ideologia della colpa"[2], fa si che le “persone obese siano oggetto di gravi discriminazioni sociali in modi che le persone con patologie croniche apparentemente simili, come l'ipertensione, dislipidemia e diabete, non sono” [3].

L'atteggiamento colpevolizzante viene spesso giustificato dalla convinzione che stigmatizzare l'eccesso di peso possa motivare le persone ad adottare comportamenti pi¨ sani.

In una recente pubblicazione, Puhl e Heuer sostengono, invece, che ci˛ non sia strumento “utile per ridurre l'obesitÓ. Piuttosto, la stigmatizzazione degli individui obesi minaccia la salute, genera disparitÓ sanitarie, e interferisce con gli sforzi di intervento efficace dell'obesitÓ” [4].

Purtroppo, la colpevolizzazione dell'individuo obeso Ŕ un atteggiamento tenuto anche da molti operatori sanitari che hanno, secondo Friedman, il “preconcetto anacronistico” che il peso possa essere controllato 'decidendo' di mangiare meno e fare pi¨ esercizio. Sempre secondo l'Autore: “... Questa nozione semplicistica Ŕ in contrasto con notevoli prove scientifiche che mostrano un preciso e potente sistema biologico che mantiene il peso corporeo entro un intervallo relativamente ristretto. Sforzi volontari per ridurre il peso sono ostacolati da potenti risposte biologiche di compensazione” [5] (a questo proposito si veda anche la sezione di questo sito “Mantenimento del peso”).

La convinzione che le persone scelgono di essere obesi aumenta l'esitazione degli operatori sanitari e dei pazienti ad accettare l'uso del trattamento a lungo termine di farmaci che riducono l'appetito per gestire l'obesitÓ [1].



Data ultimo aggiornamento: 15 apr 2011 | webmaster@fendimetrazina.info

Torna ai contenuti | Torna al menu